Viaggio di gruppo in Vietnam, tra le minoranze etniche del Nord

Il Vietnam è stato uno dei primi paesi che ha bussato alla mia porta. Era il 1991, avevo appena finito il liceo, e la mia insegnante di musica con cui avevo uno splendido rapporto mi propose di accompagnarla in Vietnam per una tournée. Poi il suo contratto è sfumato e con lui anche il mio possibile viaggio nel Sud-Est asiatico quando ancora, presumo, non era così gettonato. Dopo anni di Africa e di America Latina, dove ogni paese ha la sua peculiarità ma che spesso si richiamano l’un l’altra, sentivo il bisogno di qualcosa di nuovo e per il viaggio invernale del 2019 ho deciso di partire alla volta di Vietnam e Cambogia di cui tutti decantano la bellezza e che io non ho ancora avuto il piacere di scoprire. Per concludere il cerchio Viaggi Tribali, il tour operator con cui collaboro in veste di esperto culturale, mi ha proposto per la prossim estate di accompagnare un viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del Nord.

Quasi tutti coloro a cui ho chiesto informazioni sul Vietnam mi hanno risposto che è un paese bellissimo ma estremamente turistico e che la parte più interessante è sicuramente quella a Nord, fuori dai circuiti battuti. Non amo i luoghi particolarmente gettonati anche se sono consapevole del fatto che durante un viaggio ci sono cose che vanno viste si o si. Sono i cosiddetti must come ad esempio, per il Vietnam, la Baia di Ha Long che pare sia un luogo meraviglioso ma, cito le parole di un amico, “sembra di essere in un barca-scontro”.

Probabilmente alla fine ci andrò anche ma non sarà certo questo a farmi innamorare del paese.

alt="Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord - foto di Mario Benedetti"

Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord – foto di Maurizio Benedettini

Viaggio di gruppo in Vietnam, tra le minoranze etniche del Nord

Il viaggio di gruppo in Vietnam di Viaggi Tribali – dal 4 al 18 giugno 2019 – è già partito un paio di volte in passato e ha riscosso grande successo. Se così non fosse, non credo avrebbe senso riproporlo.

Un viaggio culturale, naturalistico ed etnografico alla scoperta del Vietnam del Nord con i suoi ritmi lenti, le antiche tradizioni e i paesaggi mozzafiato fatti di fiumi, baie, risaie e sorrisi.

Un viaggio a contatto con le diverse etnie di cui conosceremo usi, costumi e tradizioni grazie all’ausilio di una guida locale esperta dell’area tribale.

alt="Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord - foto di Mario Benedetti"

Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord – foto di Maurizio Benedettini

Ci addentreremo nel Vietnam delle regioni montagnose del Tonkino – con la vegetazione rigogliosa e le risaie a terrazza – e lungo la catena montuosa del Fansipan, la vetta più alta del paese, che ci regalerà scorci mozzafiato.

Visiteremo mercati tradizionali tra cui quello di Lung Phinh – che ha luogo nei giorni prestabiliti dal calendario lunare, quelli della Tigre e della Scimmia – dove si riversano le differenti minoranze etniche della regione.

Assisteremo alla suggestiva cerimonia del Cap Sac, un rituale che segna il passaggio all’età adulta dei giovani appartenenti al gruppo etnico dei Dao, e assaggeremo il tradizionale ruou, un alcol di riso che si beve con le cannucce di bambù.

Ci rilasseremo con bagni in acqua profumata a base di erbe aromatiche come la citronella, le foglie di pompelmo e il basilico santo, e con piacevoli pediluvi in acqua calda unita a zenzero, sale e erbe medicinali di Ngai Cou.

Faremo ginnastica alla vietnamita con la tradizionale Yijinjinge ed esploreremo villaggi pressoché sconosciuti in sella a una bicicletta.

Ci spingeremo fino alle grotte di Tam Coe, una riserva naturale la cui bellezza le è valso il titolo di “Ha Long terrestre“, e concluderemo il viaggio con una crociera di due giorni in una delle Sette Meraviglie Naturali del Mondo, la “baia del dra gone che scende in mare” (dal vietnamita Ha Long) perché, come ho detto prima, ci sono cose che vanno viste sì o sì.

Last, but not least, oltre allo spirito nutriremo il corpo con una cucina d’eccezione. Dovete sapere cha a Panama, nell’attesa di trovare una barca che mi portasse in Colombia passando per San Blas, ho lavorato nel ristorante di uno chef francese di origine vietnamita e credetemi, il solo rievocare i suoi piatti mi viene l’acquolina in bocca.

Sarà un viaggio sicuramente impegnativo e altrettanto entusiasmante.

alt="Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord - foto di Maurizio Benedettini"

Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord – foto di Maurizio Benedettini

A differenza di molte persone che non tornano mai negli stessi luoghi a me capita spesso. La conoscenza di un paese e della sua cultura passa attraverso vari step, esattamente come la conoscenza di una persona, e visto che a febbraio girerò il paese per circa un mese con la mia amica Conny Vagabonda, avrò una ragione in più per cercare di coglierlo a fondo, nella sua intimità.

Per condividere la mia esperienza con chi mi legge e con chi deciderà di partire insieme a me per questo viaggio di gruppo in Vietnam.

alt="Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord - foto di Maurizio Benedettini"

Viaggio di gruppo in Vietnam alla scoperta delle minoranze etniche del nord – foto di Maurizio Benedettini

Il programma dettagliato lo trovate sul sito di Viaggi Tribali. Per informazioni aggiuntive contattatemi via mail o scrivete direttamente a Massimo e Barbara, esperti di settore indubbiamente più competenti di me.

La Globetrotter

Se ritieni questo viaggio interessante potresti condividerlo sui social. Qualcuno sicuramente te ne sarà grato, io in primis.

Se non vuoi perderti nemmeno un articolo di La Globetrotter iscriviti alla newsletter mensile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *