Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java

Anche l’Indonesia è uno dei miei sogni nel cassetto e lo scorso anno, nel cercare la meta in cui andare a svernare, l’avevo presa in considerazione ma il clima non era quello giusto e l’ho lasciata lì, a sedimentare. Qualche guastafeste potrebbe obiettare che il mio cassetto è talmente pieno di sogni che prima o poi scoppierà ma per come la vedo io i sogni occupano solo uno spazio etereo nel cuore di chi li coltiva e sapete cosa vi dico? Che preferisco avere il cuore generoso che avaro! Detto questo, il 2019 potrebbe essere l’anno giusto per coronare questo sogno con un viaggio di gruppo in Indonesia alla scoperta di isole meno conosciute: Sumba, Flores e Java. Per chi ancora non lo sapesse, ho iniziato a collaborare come esperto culturale con Viaggi Tribali (il nome è altamente evocativo) e ci sono diversi progetti in corso tra cui – oltre all’Indonesia – il Vietnam, la Colombia e il Ladhak.

Faccio una piccola digressione per svelarvi un segreto che farà sorridere qualcuno e inorridire qualcun altro. L’Indonesia è divenuta un sogno nel cassetto solo dopo aver visto il film con Julia Roberts Mangia, prega, ama. Ce l’avete presente? Sono passati tanti anni e non ricordo nulla della trama ma mi sono rimasti impressi i paesaggi surreali e l’atmosfera mistica che permeava l’isola di Bali (oltre ovviamente allo splendido Javier Bardém che ha risvegliato i sensi sopiti generando un po’ di sana invidia nei confronti della protagonista del film).

Detto questo, quando Viaggi Tribali mi ha proposto di lavorare su questo tour per la prossima estate – dal 18 al 31 agosto – non stavo più nella pelle anche perché il programma, concedetemelo, è strepitoso!

Un viaggio alla scoperta di templi antichi, tradizioni ancestrali e natura lussureggiante in cui saranno i sorrisi, le danze, i colori e il profumo d’incenso a scandire il tempo.

alt="Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java"

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java – foto di Laura Frasca

Un’esperienza che ci metterà in contatto con le minoranze etniche di isole turisticamente meno note – Sumba, Flores e Java – per imparare a conoscerne usi e costumi trascorrendo una notte con i locali in una capanna tradizionale e dormendo su un giaciglio imbottito di foglie.

A qualcuno potrà sembrare bizzarro e sicuramente poco comodo e non vi nego che lo è. Mi è capitato varie volte di trovarmi in situazioni al limite dell’impossibile (secondo gli standard occidentali) e credo che vivere esperienze di questo tipo, anche solo per un lasso di tempo limitato, arricchisce profondamente e insegna ad aprirsi all’altro con uno spirito diverso. Senza dimenticare ovviamente che per noi è una tantum mentre per questi popoli è la quotidianità.

Prima di partire per il Kenya, lo scorso anno, ho letto La masai bianca, il libro di una tedesca che verso la fine degli anni Ottanta (mi pare) si trasferisce a vivere in un villaggio masai. Con tutti i disagi del caso, non vi nego che se forse avessi avuto la possibilità di vivere un’esperienza simile, anche se per poco, probabilmente avrei potuto innamorarmi del Kenya.

Superfluo a dirsi che oltre al contatto con le etnie locali riempiremo i nostri occhi di scorci mozzafiato tra montagne e vallate di incomparabile bellezza e le straordinarie coltivazioni a terrazza tipiche della zona.

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java – foto di Laura Frasca

Il viaggio di gruppo in Indonesia durerà 14 giorni, il tempo giusto per farsi un’idea di un paese culturalmente così distante da noi per poi, volendo, approfondire in un secondo momento.

L’arrivo è previsto a Bali e da lì ci muoveremo in minibus e, ovviamente, con dei voli interni. Ve lo racconto per sommi capi, chissà che non vi riesca a solleticare l’appetito.

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba

La prima isola che scopriremo è Sumba, oasi di pace e tranquillità in cui il turismo è ancora pressoché inesistente.

Un’isola arida è ondulata che ospita una delle società tribali più interessanti delle isole orientali dell’arcipelago e ruota attorno al culto del marapu (termine generico con cui si definiscono le divinità, gli spiriti e gli antenati).

Attraverseremo risaie, campi di mais e colline di pietra calcarea fermandoci a visitare villaggi tradizionali e tombe reali in riva al mare.

alt="Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java - foto di Laura Frasca"

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java – foto di Laura Frasca

Ci areneremo su spiagge remote in cui potremo incrociare cavalieri solitari e branchi di bufali sullo sfondo di immagini da cartolina, con i contadini chini sulla risaie che si spingono fino al mare sotto il cielo infiammato dal sole al tramonto.

Ci stupiremo dinanzi alle case sulle palafitte di Sodan, un villaggio in cui sembra che il tempo si sia fermato a qualche secolo fa, e ci inebrieremo di colori, profumi e sensazioni che pochi hanno il privilegio di conoscere.

alt="Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java - foto di Laura Frasca"

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java – foto di Laura Frasca

Viaggio di gruppo in Indonesia: Flores

Da Sumba voleremo a Flores dove ci concentreremo sulle differenti etnie che abitano sull’isola.

Partiremo dalle terre dei Lio, l’etnia principale della parte orientale dell’isola, di cui scopriremo costumi e antiche leggende raccontate dagli anziani del clan. Volendo potremo anche assistere a uno spettacolo di danza tradizionale.

Passeggeremo in mezzo alla natura che ci regalerà emozioni uniche come il sorgere del sole dal vulcano Kalimuti che ospita tre laghi di colori diversi ed è ritenuto sacro dai locali e il tramonto a Wogolama, un sito megalitico intriso di pace che emerge da una foresta di bambù.

Ci sposteremo poi dalle terre dei Lio alla volta dei villaggi Ngada che si caratterizzano per le case superbamente decorate in segno di ossequio agli antenati.

Attraversando risaie, colline, boschi di bambù e mercati colorati raggiungeremo l’etnia Manggarai e il villaggio di Wae Rebo, isolato tra i monti di Flores e raggiungibile con un trekking di tre ore, dove trascorreremo la nostra ultima notte a Flores.

alt="Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java - foto di Laura Frasca"

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java – foto di Laura Frasca

Viaggio di gruppo in Indonesia: Java

Il nostro viaggio di gruppo in Indonesia si concluderà in maniera soft all’isola di Java con la visita del tempio hindù di Prambanan e, dulcis in fundo, ci impegneremo di spiritualità con la sublime visione del tempio di Borodubur – Patrimonio UNESCO dal 1991 – che rappresenta la massima espressione architettonica del percorso buddhista.

alt="Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java - foto di Laura Frasca"

Viaggio di gruppo in Indonesia: Sumba, Flores e Java – foto di Laura Frasca

Sono convinta che rientreremo in Italia con un carico di emozioni che ci accompagnerà a lungo.

L’itinerario dettagliato lo trovate sul sito di Viaggi Tribali. Per maggiori informazioni potete scrivere a me o direttamente a Massimo e Barbara, esperti di settore sicuramente più competenti di me.

La Globetrotter

Se ritieni questo viaggio interessante potresti condividerlo sui social. Qualcuno sicuramente te ne sarà grato, io in primis.

Se non vuoi perderti nemmeno un articolo di La Globetrotter iscriviti alla newsletter mensile!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *