Trekking in Toscana da Firenze a Siena, lungo la via del Rinascimento

Una delle cose che mi riprometto di fare da un po’ – ma presto o tardi mi deciderò – è un lungo viaggio a piedi attraverso l’Italia per avere il tempo di assaporarla a fondo in ogni sua sfaccettatura. Ho conosciuto persone che hanno affrontato una sfida simile ed erano tutte entusiaste. Nel frattempo mi accontento di camminare tra monti e valli, attività che spero di riprendere quanto prima dato che al momento il mio piede sinistro ha deciso di darsi malato. Ora, senza dover necessariamente puntare a imprese epiche, ci sono tanti bei cammini che si possono fare nel nostro bel paese come un trekking in Toscana lungo la via del Rinascimento… bello dal punto di vista paesaggistico e affascinante per quanto riguarda l’aspetto storico-culturale! Su quello enologico e gastronomico nemmeno mi pronuncio…

Cinque giorni per scoprire Firenze e Siena i cui centri storici sono dichiarati entrambi Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, passando poi per i luoghi più significativi del Chianti e della campagna senese.

Un percorso tra boschi e valli, vie storiche e città d’arte, borghi abbandonati e villaggi effervescenti… il tutto generosamente condito da del buon cibo e dell’ottimo vino. Devo dire altro?

Il trekking in Toscana sarà accompagnato da una GAE (Guida Ambientale Escursionista) e sono previste tre partenze (la prima, quella di aprile, ce la siamo persa!):

  • dal 17 al 22 giugno 2019
  • dal 23 al 28 settembre 2019
  • dall’11 al 16 novembre 2019.

La quota individuale di partecipazione parte da 640 euro in camera doppia condivisa.

Se desideri ulteriori informazioni sul programma di viaggio, i costi dettagliati e le prenotazioni, compila il form qui sotto. Il Tour Operator risponderà, senza impegno, alle tue domande.

alt="Trekking in Toscana e i vigneti del Chianti"

Trekking in Toscana e i vigneti del Chianti – Photo Credits FSNC

Trekking in Toscana da Firenze a Siena, lungo la via del Rinascimento

Giorno 1: Firenze – Impruneta

Arrivo a Firenze; in mattinata visita del centro storico di Firenze (Patrimonio dell’Umanità UNESCO) e poi partenza per la prima tappa verso le colline fiorentine. È il panorama della città dall’alto ad accompagnare i primi passi del trekking verso Siena. La salita verso le colline a sud dell’Arno offre una successione di incontri straordinari, tra cui la magnifica Certosa del Galluzzo, costruita nel 1341 e attualmente appartenente ai Cistercensi. L’ultima parte della giornata si svolge tra le colline dell’Impruneta, celebri per la produzione del “cotto”, e termina nella splendida Piazza Buondelmonti, sulla quale si affaccia la Basilica di Santa Maria.

Info sull’escursionedislivello: 360 m in salita, 140 m in discesa – lunghezza: 14,5 km – durata: 4.30 ore – difficoltà: **

Giorno 2: Impruneta – Greve in Chianti

Lasciata alle spalle l’Impruneta con la sua magnifica piazza, ci inoltriamo nel cuore del territorio del Chianti in un paesaggio famoso nel mondo e di grande suggestione che alterna ordinati vigneti a campi coltivati, boschetti di querce e colli circondati da cipressi. Prima di giungere nel borgo di Greve, si passa per autentici gioielli, come la chiesa romanica di Santo Stefano a Campoli del 903, la turrita Badia Vallombrosana di Passignano costruita nel 1049 e il Borgo di Montefioralle, dominato dall’antica chiesa di Santo Stefano.

Info sull’escursionedislivello: 420 m in salita, 460 m in discesa – lunghezza: 18,5 km – durata: 6.30 ore – difficoltà: ***

alt="Trekking in Toscana e vista panoramica su Grevein Chianti - Photo Credits FSNT."

Trekking in Toscana e vista panoramica su Greve in Chianti – Photo Credits FSNC

Giorno 3: Greve in Chianti – Radda in Chianti

Oggi ci avventuriamo in un paesaggio diverso dai soliti filari di vite che hanno reso famoso il Chianti, seguendo costantemente il crinale tra ampie praterie, ammirando dall’alto la splendida Badia a Coltibuono, fondata nel 1049, che compare all’improvviso dal bosco, in passato culla dei monaci vallombrosani. Per comode sterrate si scende poi verso il tranquillo borgo di Radda.

Info sull’escursionedislivello: 730 m in salita, 600 m in discesa – lunghezza: 18 km – durata: 6.30 ore – difficoltà: ***

alt="Con il trekking in Toscana si raggiunge Badia a Coltibuono"

Con il trekking in Toscana si raggiunge Badia a Coltibuono – Photo Credits FSNC

Giorno 4: Radda in Chianti – Vagliagli

Siamo ancora nel Chianti ma il panorama cambia decisamente. Lasciato alle spalle l’ordinato paesaggio dei filari di vigneti a perdita d’occhio, si passa per ambienti boscosi e solitari. Infine, si arriva al castello di Vagliagli, un tempo fastosa residenza di nobili origini risalente al IX secolo.

Info sull’escursionedislivello: 200 m in salita, 200 m in discesa – lunghezza: 10,5 km – durata: 3.15 ore – difficoltà: *

Giorno 5: Vagliagli – Siena

Lasciato definitivamente il Chianti fiorentino, un piacevole ambiente collinare punteggiato di casali ci accompagna in direzione di Siena. L’arrivo nel centro storico di Siena è preceduto dall’incontro con monumenti poco noti come la quattrocentesca Basilica dell’Osservanza. Alla fine, la tappa finale in Piazza del Campo è uno dei momenti più emozionanti del nostro trekking e di ogni viaggio attraverso la Toscana.

Centro storico di Siena, Patrimonio dell’Umanità – Photo Credits FSNC

Info sull’escursionedislivello: 520 m in salita, 710 m in discesa – lunghezza: 16,5 km – durata: 5.30 ore – difficoltà: ***

Giorno 6: Siena

La mattina potremo visitare la città di Siena, in particolare il suo centro storico, divenuto Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 1995.

Nel pomeriggio rientro verso i luoghi di provenienza.

La Globetrotter

Se non vuoi perderti nemmeno un articolo di La Globetrotter iscriviti alla newsletter mensile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *