Perù: i colori di Máncora

alt="La Boca e il Caminito, l'Italia a Buenos Aires"
La Boca e il Caminito, l’Italia a Buenos Aires
5 Marzo 2015
alt="Tra dune e nomadi a Chinguetti"
Tra dune e nomadi a Chinguetti
20 Aprile 2015

Perù: i colori di Máncora

alt="Perù: i colori di Máncora"

Perù: i colori di Máncora

A Máncora, nota località balnearia situata nel dipartimento di Tumbes, nel nord del Peru, fa caldo tutto l’anno e non piove mai. Una piacevole e inaspettata sorpresa che mi ha rapita la sera stessa del mio arrivo con un ennesimo e incredibile dono della Pacha Mama. Quello dell’atardecer. Tutti noi abbiamo un tramonto da ricordare, uno di quelli che lasciano il segno. E io ho deciso oggi di condividere con voi il mio tramonto, un viaggio psicodelico tra arte e naturaleza che mi ha inchiodata a Máncora per dieci giorni.

La prima sera a Máncora allucino dinanzi allo spettacolo del sol calante. Il cielo, fino a poco prima sereno e di un azzurro intenso e compatto spezzato unicamente dal volo elegante delle tijeretas, è ora disegnato da una grande nube che sovrasta l’oceano minacciosa. Uno squarcio sullo sfondo alimenta la speranza che il sole riesca a ritagliarsi uno spazio in quella coltre impenetrabile.

alt="I colori di Máncora al crepuscolo"

I colori di Máncora al crepuscolo

Improvvisamente l’acqua si tinge di rosso. Sotto gli ultimi raggi della palla infuocata le bianche onde galoppanti invadono con la loro spuma la spiaggia scintillante. Taita Inti all’orizzonte si inabissa tra le acque del Pacifico pennellando il cielo di arancione, giallo intenso, rosa antico, lilla scuro…

alt="I colori di Máncora al crepuscolo"

I colori di Máncora al crepuscolo

Un’allucinazione visiva, offerta dalla Pacha Mama, che la sera stessa si materializza nell’opera di un pittore autoctono di grande spessore artistico e intellettuale, Juan Manuel Champi Huamani, che fa del colore il suo cavallo di battaglia.

Opera di Juan Manuel Champi Huamani

Opera di Juan Manuel Champi Huamani

E nei dieci giorni trascorsi a Máncora – dieci giorni di puro ceviche, clima gradevole, spiaggia semideserta, atmosfera rilassata ed energia allo stato puro – non ho saltato nemmeno una volta l’appuntamento con l’atardecer. Uno diverso dall’altro, unico e irripetibile, in compagnia di un artista folle e geniale che mi ha mostrato le mille sfumature che può assumere uno stesso colore nel giro di una frazione di secondo… e ora, vista la mia inadeguatezza in tal senso e sperando di fare cosa gradita, lascio la parola alle immagini!

La Globetrotter

Se sei interessato ad altre manifestazioni della Pacha Mama leggi anche Il viaggio con lo sciamano

Diana Facile
Diana Facile
In primis viaggiatrice, tutto il resto a seguire... sempre che abbia un travel davanti!

2 Comments

  1. La maggior parte dei turisti ( me compreso ) si recano al Sud, purtroppo.
    E probabilmente si perdono il Perù dei peruviani!

    • Diana ha detto:

      Io pure la prima volta che sono stata in Perù ho visto il sud e bisogna ammettere che è imperdibile… poi l’ho riscoperto dopo dieci anni scegliendo mete meno battute e devo dire che mi è piaciuto ancor di più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *