UNA TOUBAB A SPASSO PER SAINT LOUIS

Ed eccoci in Senegal, il paese che per primo ha ribaltato la mia concezione del mondo liberandomi di assurde costrizioni e odiosi preconcetti.
Un paese che amo al punto da esserci tornata tre volte con lo stesso entusiasmo e la stessa bramosia della prima volta. Il paese che mi ha aperto le porte dell’Africa rivelandomi un continente profondamente umano e ospitale. Lo stesso paese dove ho imparato a prendermi il tempo per assaporare ogni istante, anche il più banale, perché è da un granello di sabbia che nasce il deserto, e dove ho scoperto che viaggiare in solitaria è il modo migliore per non soffrire di solitudine.
Quando sono rientrata dal mio primo viaggio, nel 2006, avevo la presunzione di aver capito tutto del Senegal. Quando l’ho lasciato la terza volta, nel 2010, ho realizzato che forse stavo finalmente iniziando a capirci qualcosa. Ma di questo parlerò in un’altra occasione.
Ora voglio condividere con voi un pezzo del mio primo viaggio in Senegal, il paese dell’ospitalità.

alt="Il porto di Saint-Louis, antica capitale del Senegal durante la colonizzazione francese"

Il porto di Saint-Louis, antica capitale del Senegal durante la colonizzazione francese

Saint Louis si trova al nord del paese, ai confini con la Mauritania. Gli abitanti di Saint Louis, prevalentemente di etnia peul, hanno il colore della pelle più chiaro rispetto al resto del paese e un accento strascicato, a volte quasi incomprensibile. La città, in stile coloniale, si affaccia sul mare. Per raggiungerla, da Dakar, ci vogliono circa sei ore di taxi brousse, un veicolo scassato su cui viaggiano sette persone, escluso il conducente. La mole dei passeggeri è irrilevante ai fini del conteggio e della distribuzione dei posti. Considerato che le donne africane sono spesso delle balene, io finisco sempre spiaccicata sul fondo come una sardina.
Gironzolando senza una meta precisa mi ritrovo nel villaggio dei pescatori. Centinaia di piroghe colorate sono disposte l’una accanto all’altra sulla riva del mare. Molto pittoresco. Ma la bellezza del paesaggio, purtroppo, è deturpata da chilometri di spazzatura.

alt="Piccoli amici della toubab a Saint Louis"

Piccoli amici della toubab a Saint Louis

La mia visita attira l’attenzione di un gruppetto di bambini che mi rincorrono chiamandomi per nome. Toubaaab, toubaaab… Già, perché io qui sono la toubab. La bianca. Lo capisco dalle loro mani tese, accompagnate dalla parola cadeau. Regalo. Io non riesco a fare l’elemosina, è più forte di me. E non solo per considerazioni generali di carattere economico – dicono che regalare soldi sia il modo peggiore per aiutare i paesi sottosviluppati – ma è il gesto in sé che mi causa disagio. Così, visto che è ora di pranzo, li invito a tenermi compagnia. Non faccio in tempo a terminare la frase che mi ritrovo accerchiata da una decina di mocciosi. Si sono moltiplicati come funghi. Mi fermo a comprare pane, sardine, frutta e bissap e pasteggiamo tutti insieme allegramente in mezzo a cumuli di spazzatura e capre morte. Ormai non mi fa più nessun effetto.

Arrivo a sera distrutta e rientro in ostello. Domattina devo alzarmi all’alba. Mi attende l’escursione al Parc Djoudj per soddisfare la mia brama ornitologica.

Parc National Djoudj

Inutile aggiungere che l’escursione al Parc Djoudj è stata interessante ma vi assicuro che il succulento pranzetto condiviso con i mocciosi del villaggio su uno scenario a dir poco aberrante mi ha regalato molte più emozioni della vista di migliaia di uccelli che riempivano l’azzurro terso del cielo.

alt="Taxi a Saint Louis"

Taxi a Saint Louis

Parc National Djoudj

alt="Cimitero di Saint Louis"

Cimitero di Saint Louis

La Globetrotter

Stai pensando di organizzare un viaggio nel paese? Leggi Viaggio in Senegal: il mio itinerario on the road

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *